Thunar-dropbox, context-menu di dropbox a portata di file manager

6 09 2010

Ecco che questa mattina mi è venuta l’idea di cercare un plugin che permettesse l’integrazione di Dropbox nel file manager Pcmanfm, dopo una breve googlata come temevo ho scoperto che per questo file manager non esiste ancora un plugin come il buon nautilus-dropbox, il quale permette di copiare il link di condivisione di un file, ad esempio, direttamente cliccando con il tasto destro sul file (che deve essere presente nella cartella Public per poter essere condiviso) e scegliendo “copia indirizzo pubblico”. Come sempre però il nostro buon AUR risulta sempre efficace in termini di soluzione, infatti cercando dropbox ho trovato come ultimo risultato un plugin praticamente identico a quello per nautilus, thunar-dropbox, che indovinate un po’ aggiunge il menu contestuale di dropbox al file manager thunar 🙂

Ovviamente necessita di thunar come dipendenza, per questo può essere benissimo usato in qualsiasi Wm/De utilizziate, per gli utenti Archlinux l’installazione è assai semplice poichè basta dare il comando

sudo clyde -S thunar-dropbox

mentre per chi non usasse Arch, l’installazione da sorgenti è lo stesso semplice, una volta scaricato l’archivio contenente i sorgenti, aprite un terminale posizionandovi nella directory dove lo avete salvato e:

tar -xaf thunar-dropbox-0.1.1.tar.bz2

./waf configure

./waf build

sudo ./waf  install

Una volta installato avviate Dropbox e thunar, recatevi nella cartella di dropbox e poi in Public, cliccando con il tasto destro su ogni file vi apparirà questo menu:

Ora manca solo il plugin per Pcmanfm, ho già provveduto a chiederlo all’autore di questo plugin per thunar, non si sa mai che mi faccia anche questo regalo XD

Annunci




Chromium, xdg-open

26 10 2009

Ormai il nuovo browser di casa Google, Chrome, ha fatto davvero dei grandi passi avanti e pian piano, almeno per me, sta diventando il mio nuovo Browser preferito vista la sua velocità, semplicità e leggerezza rispetto a Firefox che però non ho ancora abbandonato.

Per Archlinux in Aur si trovano con semplicità dei PKGBUILD che permettono di installare Chromium, questo il nome della versione Open Source del suddetto browser, all’ultimissima revisione disponibile. Curioso il fatto che pochi giorni fa proprio su Aur erano disponibili ben 23 diversi pacchetti Chromium sotto nomi differenti, tutto ciò ha contribuito a creare un po’ di disordine nel repository mantenuto dagli utenti, perciò i Trusted User hanno deciso di eliminare i pacchetto di Chromium orfani o non più manenuti e di lasciare solo due versioni disponibili su Aur. Io ora utilizzo il pacchetto  Chromium-browser-bin che aggiorno quasi ogni giorno scaricando così la versione sempre attuale.

Ahimè l’unica pecca di Chrome è il fatto di non avere ancora una buona estensione che permetta di bloccare gli Ads e la pubblicità di cui siamo sommersi navigando nei siti più comuni. Per firefox ricordo l’ottima estensione AdBlock Plus la quale dopo la semplice installazione blocca gli ads evitando quindi di mostrarli nella pagina web. Per Chrome ci sono due estensioni che si prefiggono di fornire questa opzione agli utenti e sono Adsweep (utilizzabile anche con Firefox) e Adblock che però ancora non sono in grado a mio avviso di bloccare tutta la pubblicità circolante nei siti web.

Chromium inoltre non utilizza un singolo processo attivo come del resto fa firefox ma avvia piu processi “chrome”, ognuno dei quali si riferisce ad una scheda, un’estensione, una finestra, cioè a tutte le parti attive di Chrome. Questa procedura offre il vantaggio di garantire stabilità al browser in quanto se una finestra o una scheda di Chrome dovessero crashare inaspettatamente questo evento non farebbe crashare di per sè tutto il browser come invece accade con Firefox poichè come già detto esso utilizza un singolo processo e basta che crashi una scheda per far chiudere tutto il browser e compagna cantante 🙂

Arriviamo ora al succo di questo post, il fatto che Chromium utilizzi xdg-open per aprire i file ad esempio scaricati. Questo può dare qualche problema a chi non utilizzi direttamente un DE come Gnome, Kde o Xfce ma usi ad esempio un singolo WM (fluxbox, openbox, pekwm..) poichè lo script xdg-open se non trova un De  attivo fa aprire il file scelto non dall’applicazione con cui ci aspetteremmo venisse aperto il file, ma bensì dal browser preferito. Questo scoccia parecchio ed oggi grazie a google con una semplice ricerca mi sono imbattuto in questo thread in cui un utente formulava il mio stesso problema. Fortunatamente sfogliando il thread ho trovato la soluzione che consiste in una semplice modifica del file xdg-open:

aprire con un editor di testo il file: sudo nano /usr/bin/xdg-open e recarsi con il cursore a qualche riga prima della fine dello script dove troveremo questo:

case “$DE” in
kde)
open_kde “$url”
;;

gnome)
open_gnome “$url”
;;

xfce)
open_xfce “$url”
;;

generic)
#    open_generic “$url”      # commentate questa linea
open_xfce “$url”             # aggiungete questa riga
;;

*)
exit_failure_operation_impossible “no method available for opening ‘$url'”
;;
esac

Io ho aggiunto open_xfce “$url$” in modo che lo script faccia riferimento alle impostazioni di xfce, voi potete settare qualsiasi DE vogliate.

Salvate il file così  modificato e ora potrete aprire i vostri file direttamente da Chromium semplicemente cliccandoci sopra e si aprirà in questo modo l’applicazione voluta 🙂

P.s. Per impostare Chromium come browser preferito utilizzando un solo WM basta modificare sempre il file xdg-open cercando questo:

if [ x”$DE” = x”” ]; then
# if BROWSER variable is not set, check some well known browsers instead
if [ x”$BROWSER” = x”” ]; then
BROWSER=chromium-browser:mozilla:netscape
fi
DE=generic
fi

e nella riga “Browser=” modificate con il nome dell’eseguibile del vostro browser.





Trasferimento file con Gajim

13 07 2009

Gajim è un client adatto al servizio di IM Jabber che si fa sempre più popolare e presto speriamo che possa vincere la concorrenza, ovvero battere l’ormai quasi declassato servizio offerto dalla Microsoft (alias MSN).

Capita però che provando Gajim si inceppi in qualche malfunzionamento. Questo è quanto mi è accaduto provando ad inviare un file all’amico Dottorblaser il quale ha ricevuto correttamente il file da me inviato tramite Pidgin ma non riusciva ad inviarmi lui stesso un file tramite Gajim, allora ho provato anche io il client e ho constatato il problema. Cercando quindi delle informazioni in rete non ho trovato granchè, perciò mi sono collegato alla chat ufficiale del progetto gajim su Jabber dove ho potuto trovare subito l’aiuto repentino del moderatore, nonchè sviluppatore e capo del progetto, Asterix (contatto asterix@jabber.lagaule.org), il quale mi ha dato una mano nel tentare di risolvere questo problema e dopo vari tentativi siamo giunti alla conclusione che si trattava di un problema abbastanza semplice: i proxy che avevo di default su Gajim non andavano bene perchè probabilmente ormai non più funzionanti.

Quindi passando all’azione per risolvere il problema del mancato funzionamento del trasferiment mediante il client Gajim basta seguire questi semplici passi: innanzitutto aprire Gajim e nella finestra principale cliccare sul menu Modifica, quindi su Preferenze. Di seguito spostarsi nel menu a tendina Avanzato,  individuare l’ultima voce presente, Editor di configurazione avanzata (alias inglese ACE) e cliccare su Apri. Fatto questo si aprirà una nuova finestra nella quale è necessario inserire come parola chiave nella stringo del filtro semplicemente “file” quindi vi appariranno i vari risultati:

screengajim

nel menu riguardante il vostro servizio jabber, nel mio caso jabber.linux.it, nella stringa file_transfer_proxies è sufficiente inserire il nuovo proxy: proxy.eu.jabber.org, chiudere l’editor di configurazione in modo da salvare le modifiche, riavviare Gajim. Il gioco è fatto ora potrete inviare e ricevere tranquillamente file tramite jabber e godervi così le potenzialità di questo servizio che ricordo è completamente OpenSource. Dunque non vi resta che diffondere il “verbo” nel tentativo di soppiantare la magnanimità di MSN.

Auspico un veloce passaggio a Jabber da parte di tutti 😀 Vi lascio il mio contatto: sonda90@jabber.linux.it

P.S. Forse anche il colosso Facebook presto implementerà nella sua chat istantanea il servizio Jabber, se ciò dovesse avvenire potremo presto cantare vittoria 😉





Guida Bluetooth su Archlinux

24 07 2008

In questi giorni ho provato a trasferire file dal mio pc al cellulare e dopo vari tentativi ci sono riuscito, è molto semplice basta installare inizialmente alcuni pacchetti per Archlinux: iniziamo con pacman -S bluez-utils openobex obexftp questi pacchetti sono necessari per il trasferimento tramite bluetooth da riga di comando, fatto questo bisogna modificare il file /etc/bluetooth/hcid.conf inserendo il nome desiderato da assegnare al dispositivo pc, e come pin inserire 0000, io ho un nokia 5700 e così ha funzionato, se volete dare un’ occhiata o copiarvi il mio file di configurazione guardate qui. Configurato ciò potete avviare il demone, sudo /etc/rc.d/bluetooth start o restart nel caso in cui dobbiate riavviarlo dopo una modifica alla configurazione, quindi ora andate nelle impostazioni bluetooth del vostro cellulare e create un nuovo dispotivo associato scegliendo il nome corrispondente al vostro pc,quindi provate a dare hcitool scan per vedere se riconosce il vostro cellulare, se la scansione ha effetto siete pronti per trasferire file. Per fare ciò è molto semplice usate il comando obexftp -b -p /path/del/file ( -b sta per l’invio tramite bluetooth e se non aggiungete il codice device del cellualre non importa perchè si connetterà al primo dispositivo che trova quindi al vostro se non avete altri apperecchi con il bluetooth acceso, -p per la scelta del file da inviare, per maggiori informazioni man obexftp vi schiarirà le idee).

Oltre a riga di comando tralascando i vari frontend che gestiscono obexftp è possibile utilizzare un applet per gnome, installare il pacchetto bluez-gnome e avviate l’applet con bluetooth-applet vi apparirà una icona nell’area di notifica, cliccando con il tasto destro su di essa potete scegliere di inviare un file molto semplicemente scegliete il file, controllate he il vostro cellulare appaia poi nella lista, quindi collegatevi e aspettate che finisca il trasferimento 😀

P.s. facendo delle prove ho notato che obexftp nel trasferire file ci impiega molto più tempo rispetto all’applet di gnome, penso dia dovuto al fatto che obexftp usa appunto Obex Ftp mentre bluetooth-sendto di gnome utilizza Obex Push quindi è dovuto alla differenza tra i due protocolli. La guida tratta solo dell’invio di file da pc a cellulare.

Eventuali informazioni le trovate sul Wiki